codice ISSN 2239-0235  
 Gioxe  De Micheli
Interventi
questo numero è online dal 1/5/2014                            ultimo aggiornamento il     6/09/2014
(in ordine di arrivo)
leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... Torna alla  COPERTINA
Il sommario
leggi...
NON C’È QUALITÀ SE NON C’È L’ANIMA Che cos’è la qualità in arte? Cosa distingue una “crosta” da un capolavoro? Se non parliamo della “falsa” qualità, quella, per intendersi,  spacciata e propagandata dal mercato per incantare i facoltosi, se parliamo della qualità vera, allora mi viene subito in mente la famosa frase di Toulouse-Lautrec: “La pittura è come la merda, non si spiega, si sente!”. Sembrerebbe solo una battuta,  ma a ben vedere nella sua vivace essenzialità, contiene una verità  complessa, perché per “vedere la qualità” bisogna, certo, possedere  qualche strumento di conoscenza, ma se manca il profondo sentimento “dell’esistere”, questi strumenti di conoscenza non bastano, dal momento che è questa terrestre dimensione spirituale che sviluppa la sensibilità “a vedere” o a “sentire”. Dunque la qualità in arte dovrebbe essere contenuta già in parte negli occhi di chi guarda. Verrebbe voglia di dire che la qualità la vede chi se la merita. Ecco perché la frase del vecchio Toulouse è, in fondo, piena di saggezza. Un mio amico, il pittore Daniel Bec, un giorno, preannunciandomi la sua prossima morte mi disse: “Così, avrò finito di dare perle ai porci!”. Alludeva a quelli che non sapevano riconoscere la qualità e il valore della sua pittura. E ciò che vale per il “vedere”, vale anche per il “fare”. Non c’è qualità senza anima e neppure ci può essere trasfigurazione poetica,  né sensibilità del segno, né sentimento del colore. Disegnare bene è importante, ma non è questo che fa la qualità, saper accostare bene i colori è importante, ma non è questo che fa la qualità. È la sensibilità del segno e il talento dei polpastrelli che fanno il grande disegnatore. È il sentimento del colore e il talento delle pupille che fanno il grande colorista. È il sentimento del mondo nutrito ed espresso dal talento dell’uomo artista che fa “alta” la qualità di un’opera.
blogMagazine online periodicamente pensato, realizzato e pubblicato in rete da Giorgio Seveso da gennaio 2012
Pittore, vive tra Milano, Varzo e Sassofortino (Gr). E’ nato a Milano nel 1947 .
Henri de Toulouse-Lautrec (1864-1901) Daniel Bec, "Hubert", 1994, olio su tela 140x90
riContemporaneo.org
opinioni, riflessioni, polemiche  e proposte sull’arte contemporanea
7