numero

UN NUMERO SPECIALE

Artisti al tempo del contagio

I DIARI DELL’IMMAGINE

“Mi sono convinto che anche quando tutto pare perduto bisogna mettersi tranquillamente all’opera, ricominciando dall’inizio.” (Antonio Gramsci) "Non temete i momenti difficili. Il meglio viene da lì” (Rita Levi Montalcini) M’immagino che ogni artista in questi giorni così strani e particolari sia come noi tutti confinato in casa, con scarsi contatti con l’esterno che non siano quelli del telefono o della rete. E probabilmente se non vi fosse l’ansia per noi stessi e per i nostri affetti, il dolore per quelli che soffrono, il timore del contagio e di ciò che può attenderci domani e dopodomani in modi del tutto imprevisti e sconosciuti questa condizione di isolamento forzato non sarebbe poi così negativa, perché consente una insolita dimensione interiore, uno sguardo su se stessi, sull’esistenza e sul mondo assolutamente nuovi. La clausura per gli artisti rappresenta lo sappiamo un’importante opportunità per concentrarsi sulla propria arte in un momento in cui le interruzioni esterne sono annullate. E proprio approfittando di questo più intenso “tempo personale” vorrei con loro dare vita a questo Diario per immagini. Gli argomenti, gli stimoli, gli inneschi dell’immaginazione e della fantasticazione oggi certo non mancano, e sono straordinariamente invasivi. Mai come ora si presentano tumultuosamente a scuotere la coscienza e interpellare la creatività. L’iniziativa che ho preso è molto semplice e lineare. Su questo “numero speciale” del riContemporaneo.org non pubblico e non pubblicherò i consueti interventi, riflessioni e articoli scritti, bensì a mano a mano che mi arrivano, aggiungerò solo le immagini degli artisti, i loro disegni, quadri, forme, segni e tracce figurali, brani visivi, fotografie e icone che questi momenti e accadimenti così eccezionali avranno ispirato. Immagini accompagnate al massimo da qualche riga eventuale di commento, di spiegazione o di saluto. Sarà una galleria unica nel suo genere, un “diario” di riflessioni per il quale l’immagine diviene il tramite di un rapporto con il mondo mai così intenso e gravido di sostanze. Una cronaca del contagio, sì, ma anche la registrazione di una resistenza, dalle più diverse intonazioni ai più vari significati. E sarà anche almeno lo spero un mosaico di spunti per sentirci in qualche modo accomunati e solidali. Per scorgere di ciascuno di loro, un aspetto, una tensione, un’illuminazione sorprendenti, inattese o confermate. Un modo per vivere ciò che ci sta accadendo come una opportunità, come l’invito a riconsiderare molte cose, molti valori e pseudovalori: una occasione per ripensare il nostro mondo, le nostre abitudini, le nostre certezze.

| © blogMagazine pensato, realizzato e pubblicato in rete da Giorgio Seveso dal 2011 | Codice ISSN 2239-0235 |

riContemporaneo.org | opinioni, polemiche, proposte sull’arte contemporanea

Giorgio Seveso  Critico d’arte, curatore e giornalista, vive e opera a Milano dal 1969. Fondatore e conduttore di questo blogMagazine, è stato critico de l’Unità per oltre vent’anni. E’ nato a Sanremo nel 1944. 2

GIOXE

DE MICHELI

NAVIGA TRA LE PAGINE

UN NUMERO SPECIALE

Artisti al tempo del contagio

I DIARI

DELL’IMMAGINE

“Mi sono convinto che anche quando tutto pare perduto bisogna mettersi tranquillamente all’opera, ricominciando dall’inizio.” (Antonio Gramsci) "Non temete i momenti difficili. Il meglio viene da lì” (Rita Levi Montalcini) M’immagino che ogni artista in questi giorni così strani e particolari sia come noi tutti confinato in casa, con scarsi contatti con l’esterno che non siano quelli del telefono o della rete. E probabilmente se non vi fosse l’ansia per noi stessi e per i nostri affetti, il dolore per quelli che soffrono, il timore del contagio e di ciò che può attenderci domani e dopodomani in modi del tutto imprevisti e sconosciuti questa condizione di isolamento forzato non sarebbe poi così negativa, perché consente una insolita dimensione interiore, uno sguardo su se stessi, sull’esistenza e sul mondo assolutamente nuovi. La clausura per gli artisti rappresenta lo sappiamo un’importante opportunità per concentrarsi sulla propria arte in un momento in cui le interruzioni esterne sono annullate. E proprio approfittando di questo più intenso “tempo personale” vorrei con loro dare vita a questo Diario per immagini. Gli argomenti, gli stimoli, gli inneschi dell’immaginazione e della fantasticazione oggi certo non mancano, e sono straordinariamente invasivi. Mai come ora si presentano tumultuosamente a scuotere la coscienza e interpellare la creatività. L’iniziativa che ho preso è molto semplice e lineare. Su questo “numero speciale” del riContemporaneo.org non pubblico e non pubblicherò i consueti interventi, riflessioni e articoli scritti, bensì a mano a mano che mi arrivano, aggiungerò solo le immagini degli artisti, i loro disegni, quadri, forme, segni e tracce figurali, brani visivi, fotografie e icone che questi momenti e accadimenti così eccezionali avranno ispirato. Immagini accompagnate al massimo da qualche riga eventuale di commento, di spiegazione o di saluto. Sarà una galleria unica nel suo genere, un “diario” di riflessioni per il quale l’immagine diviene il tramite di un rapporto con il mondo mai così intenso e gravido di sostanze. Una cronaca del contagio, sì, ma anche la registrazione di una resistenza, dalle più diverse intonazioni ai più vari significati. E sarà anche almeno lo spero un mosaico di spunti per sentirci in qualche modo accomunati e solidali. Per scorgere di ciascuno di loro, un aspetto, una tensione, un’illuminazione sorprendenti, inattese o confermate. Un modo per vivere ciò che ci sta accadendo come una opportunità, come l’invito a riconsiderare molte cose, molti valori e pseudovalori: una occasione per ripensare il nostro mondo, le nostre abitudini, le nostre certezze.


polemiche e proposte sull’arte contemporanea

Giorgio Seveso  Critico d’arte, curatore e giornalista, vive e opera a Milano dal 1969. Fondatore e conduttore di questo blogMagazine, è stato critico de l’Unità per oltre vent’anni. E’ nato a Sanremo nel 1944. 2 © blogMagazine pubblicato  in rete da Giorgio Seveso  dal 2011 -  Codice ISSN 2239-0235