codice ISSN 2239-0235  
Una proposta di riflessione
                                                                                      ultimo aggiornamento:   17/09/2016
Per saperne di più su Mario Perniola:
leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... Torna alla  COPERTINA
Il sommario
Questo lavoro di Perniola,  importante e senz’altro da leggere e da discutere, pone in modo intelligente una serie di questioni su un terreno di riflessione cui il nostro blogMagazine e i suoi lettori sono molto sensibili e sul quale ci eravamo avventurati già diversi anni or sono, agli esordi di queste nostre pagine online... L’ARTE ESPANSA La sfera dell'arte si è ampliata enormemente. Qualunque cosa può essere trasformata in «arte», anche senza che l’autore ne sappia nulla. Chi ha la legittimità e l'autorevolezza per operare questa metamorfosi? In questo libro, il cui titolo prende spunto dal mitico testo di Gene Youngblood, “Expanded Cinema”, Mario Perniola sostiene che è avvenuta una profonda destabilizzazione del sistema artistico, da lui definita come la svolta «fringe» dell'arte contemporanea, termine che significa ciò che sta sui bordi, sui confini.  Molte barriere tradizionali sono crollate; si è aperto un orizzonte enormemente piú vasto all'interno del quale è difficile orientarsi. Esso comporta molti pericoli, ma offrirebbe al contempo, secondo alcuni, nuove opportunità per chi voglia avventurarsi su questo terreno, a condizione di saper trasformare le molte informazioni disordinate e frammentarie di cui disponiamo in un discorso coerente che costituisca una nuova conoscenza estetica in grado di indirizzare un'attività artistica avvincente. La singola produzione artistica non basta piú a se stessa, ma richiede per la sua comprensione un corredo di dati che sollecitino la massima attenzione e le conferiscano legittimità e autorevolezza: Perniola introduce perciò il neologismo di «artistizzazione» e si sofferma sulle operazioni che la rendono possibile.   La conclusione cui giunge l’autore è dunque che non esiste più un’accezione sola e univoca di arte, né un mondo dell’arte unico, ma diversi e coesistenti mondi, in ciò dando oggi ragione all’evidenza. E dando anche ragione - sia detto en passant - alla tesi che sommessamente questo nostro blogMagazine aveva già argomentato con parole molto simili ben quattro anni orsono nel 2012...    ( vedi qui ) 
blogMagazine pensato, realizzato e pubblicato in rete da Giorgio Seveso
riContemporaneo.org
opinioni, riflessioni, polemiche  e proposte sull’arte contemporanea
n.9
Mario Perniola L’arte espansa Giulio Einaudi Editore pp. 112 € 11,00