codice ISSN 2239-0235  
Una lettera
                                                                                      ultimo aggiornamento:   17/09/2016
leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... Torna alla  COPERTINA
Il sommario
L’amico Alvaro Occhipinti mi manda questa lettera per segnalarmi l’articolo di Massimo Recalcati, che ben volentieri mi sono affrettato a pubblicare qui  con il titolo “Il miracolo della pittura”. Si tratta di un testo che apre certo a considerazioni diverse, ma che innegabilmente ribadisce con forza di argomenti la necessità ormai irrimandabile di una forte presa di posizione culturale da parte degli artisti e degli intellettuali più consapevoli... (G.S.) IL CAOS E L’ARBITRARIO Caro Giorgio, tu e Sisifo avete in comune la instancabilità, la costanza. Per ciò che ti riguarda te ne sono/siamo grati, data l'eroicità di una fatica che non troverà appagamento. Tale è la battaglia, senza respiro, che tu conduci quasi da solo cercando di disvelare quello che produce l'universo dell'arte. Come vedi, ormai nel silenzio dei Soloni, degli storici e dei critici, dei galleristi e dei mercanti, oggi parlano soltanto i filosofi/sociologi e i letterati. Come è il caso di questo recente articolo su La Repubblica di Massimo Recalcati, che magistralmente analizza lo stato dell’arte che ci riguarda, il suo livello di caos e di arbitrarietà, che per la verità altri in altre sedi hanno già rilevato, per esempio Jean Clair. Recalcati non elabora le ragioni storiche della deriva che ha prodotto l'oggi, forse non è il suo compito, Noi sappiamo che dopo la "Catastrofe" linguistica del 900 che ha prodotto le Avanguardie sia l'universo letterario che quello artistico hanno rovinosamente perduto in leggibilità. Ma mentre la letteratura ha conservato la convenzione alfabetica che permette, con la cultura di base, di accedere a qualunque testo, l'arte, dopo Kandinskij, ha dato l'avvio a sistemi espressivi del tutto "caotici e arbitrari":  ogni artista è un sistema a sè, un'estetica, una filosofia dell'arte e quindi... una solitudine tra tanti, operativi e no. Alvaro [Qui online dal 02/05/2016] 
blogMagazine pensato, realizzato e pubblicato in rete da Giorgio Seveso
Pittore, è nato a Messina nel 1938. Vive e opera a Milano.
Alvaro Occhipinti
riContemporaneo.org
opinioni, riflessioni, polemiche  e proposte sull’arte contemporanea
n.9