codice ISSN 2239-0235  
Testimonianze
                                                                                      ultimo aggiornamento:   17/09/2016
leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... Torna alla  COPERTINA
Il sommario
blogMagazine pensato, realizzato e pubblicato in rete da Giorgio Seveso
Luigi Timoncini
Nato a Faenza nel 1928, si trasferisce a Milano nel 1951 e conclude gli studi a Brera. Nel 1962 tiene la sua prima personale alla Galleria Il Prisma di Milano, nell'ambito del realismo esistenziale. Dal 1993 al 2003 è Direttore della Scuola Superiore d'Arte Applicata del Castello Sforzesco di Milano.
SCALDA MA BRUCIA! Un pensiero sulla critica Per un artista la critica è come il fuoco: scalda ma brucia! Posso dire che la critica è un esercizio intellettuale che deve trovare le proprie ragioni di esistere: e le ragioni possono essere tante. Come principio la critica dovrebbe risultare un sondaggio per rilevare le componenti fondamentali che concorrono alla definizione dell'opera. Un'analisi rigorosa di questo genere, risulta, nelle migliori delle ipotesi, un prodotto astratto per intellettuali e una tesi incomprensibile per i non addetti ai lavori. Solo quando la critica cresce e si sviluppa per conquistare un potere nella babele culturale dei nostri giorni, diventa motivo di interesse e viene sollecitata e sostenuta finanziariamente, politicamente e religiosamente. Non ci si può meravigliare; quando la critica non esisteva, l'arte era retaggio delle famiglie ricche e dei potenti. I giudizi sulle opere erano quasi sempre legati a gusti personali e a motivi esibizionistici. Oggi sono mutate le condizioni e le opere d'arte sono alla portata di tutti: si avverte il bisogno di capire e s'invoca l'intervento del professore esperto, e così dilagano fiumi di parole inutili. La critica d'arte dei nostri tempi non si distingue da tutte le altre presunzioni culturali; cresce e si sviluppa per conquistare potere. La base di ogni processo diventa l'arbitrio e tutto diventa legittimo con definizioni altisonanti. E la voce dell'artista spesso non si sente! [Qui online dal 10/05/2016] 
riContemporaneo.org
opinioni, riflessioni, polemiche  e proposte sull’arte contemporanea
n.9