codice ISSN 2239-0235  
Opinioni
numero  online dal 10/9/2015                                      ultimo aggiornamento il    11/12/2015
leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... leggi... Torna alla  COPERTINA
Il sommario
LA MASSA DELL’ARTE, Guardarsi attorno in un momento storico che ha perso l’orientamento C’è un vasto pubblico attorno alle arti visive - o retiniche che dir si voglia - sempre più in espansione. Ciò non significa, tuttavia, una maggior comprensione dell’opera d’arte da parte del grande pubblico, una raggiunta capacità di lettura e fruizione della gente, ma, semplicemente, perché è la massa stessa che la produce. Oramai le acque si sono rotte con l’effetto di uno tsunami. Viviamo un momento storico che ha perso orientamento e identità. Che ognuno di noi provi a dare sfogo al proprio talento e alla propria creatività come meglio creda e senza trascurare nessun aggeggio che la tecnologia ci propina, è sacrosanto, ma sarebbe più opportuno che lo facessimo con un po’ di coscienza critica. Il nostro sistema educativo è carente sin dall’infanzia, perché non si adopera a sufficienza per uno sviluppo armonico dei due emisferi cerebrali. Poi l’educazione visiva, a differenza del linguaggio verbale, che si evolve in forma continua, resta ferma, mediamente, allo stadio raggiunto verso i dieci/dodici anni, mentre, secondo me, l’insegnamento della comprensione dell’arte e della capacità di giudicarla e apprezzarla, dovrebbe costituire la parte fondamentale di ogni programma educativo. Se non altro perché siamo i detentori di una parte consistente del patrimonio artistico mondiale e perchè i nostri padri costituenti, avendone capita l’importanza, con lungimiranza l’hanno fissato in modo chiaro nell’Art. 9 della Costituzione. Questa situazione sinteticamente tratteggiata si è diffusa perché è passato il concetto che l’arte può essere fatta da tutti senza nessun bisogno d’investitura ufficiale esterna che faccia chiarezza su chi è vero artista e chi no, e che non occorre avere una preparazione accademica, conoscere la storia dell’arte, aver esposto da qualche parte ecc. Trovo semplicistico sostenere che “i padroni dell’arte” attuali hanno fatto tutto questo. Mattew Carey-Williams, curatore della White Cube di Londra, ha definito l’arte un super business, il più grande mercato senza regole al mondo dopo il traffico di droga e la prostituzione, poiché il giro d’affari è aumentato del 564% in meno di dieci anni e alla faccia della crisi mondiale. Molti, infatti, sono i protagonisti che hanno contribuito a questo immenso caos. Basterebbe pensare a quanto succedeva nella seconda metà del secolo scorso. Eppure l’epoca avviata con la Pop Art era stata presentata come il superamento della divisione fra arte e società mediante l’introduzione di forme e materiali estranei al campo dell’arte che imponevano l’autonomia, l’autosufficienza dell’opera. Qualsiasi cosa poteva essere trasformata in arte, ma per avere validità occorreva il patrocinio e la legittimazione dei mediatori istituzionali. Tanta produzione era esclusa a priori perché considerata non in linea con la visione di questo micropotere fatto di pochi galleristi, collezionisti e mercanti i quali in sintonia e con la complicità delle istituzioni pubbliche si arrogavano il diritto della legittimazione e della consacrazione di prodotti molto spesso assai discutibili. Abbiamo assistito a un succedersi di mode abbastanza effimere in cui fare arte spesso aveva il significato di cose minime, di delegare a uno specialista-artigiano la realizzazione di tutto il progetto o di decontestualizzare un oggetto togliendolo dal proprio spazio originario, o di risolvere un’opera con una frase, un’idea, un concetto. Certamente a questo sconvolgimento attuale ha contribuito notevolmente l’operato della Saatchi Gallery di Londra, che a differenza o meglio in contrapposizione alla Tate Gallery, è sorta come un’impresa speculativa che estendeva la partecipazione al mondo dell’arte al maggior numero possibile di artisti e considerando i fruitori come un pubblico di consumatori con una logica neoliberista. Anche Larry Gagosian dà il suo apporto in questa panoramica con le sue tredici Gallerie distribuite su tutto il pianeta e la sua “filosofia” di espansione, brandizzando sempre i soliti artisti. Esiste una sorta di “cerchio magico” che decide le quotazioni nelle aste (con le prevendite assicurate) e le sorti di coloro che dovranno diventare gli artisti superstar, sempre i soliti nomi naturalmente, all’interno di un mercato costituito da collezionisti e mercanti difficilmente distinguibili gli uni dagli altri. Tra questi, oltre a Peter Brant, troviamo la famiglia reale del Qatar, i Mugrabi, il gallerista di New York William  Acquavella ecc.  E che dire di un’istituzione come la Biennale di Venezia! L’edizione del 2013, curata da Gioni, non ha fatto capire nulla su chi è artista e chi no, cosa è arte e cosa non è. Vi si trovavano accomunate le figure più disparate: dai ricercatori agli autodidatti e agli psicopatici, dai filmmaker ai videoartisti alternativi, dagli antropologi agli antiartisti o a chi intende trasformare la tecnologia e la scienza in arte... Tante cose bizzarre, marginali ed estranee al mondo dell’arte, Moltissime assolutamente inclassificabili. Il recente cambio di direzione è stato salutare, con la svolta di Okwui Enwezor. L’edizione della Biennale 2015, infatti, ha rivalutato la figura dell’artista come persona colta, quasi sempre ben equipaggiata di titoli accademici. Vien da fare una riflessione che spiegherebbe, in parte il problema. L’inutilità di quest’attività ha conferito una totale autonomia, per cui l’arte è concentrata su se stessa: gli artisti visuali sono intellettuali in quanto mirano a sollevare problematiche d’ogni genere, intenti a creare collegamenti con altre discipline come la filosofia, la storia, la critica, la politica, la psicanalisi ed altro ancora. Sostanzialmente l’arte è autoreferenziale e non ha interesse a suscitare emozioni. Ma quanto spazio e peso ha oggi la Cultura? La risposta è superflua.
blogMagazine online periodicamente pensato, realizzato e pubblicato in rete da Giorgio Seveso
Pittore e scultore, è nato a Scilla in Calabria. Laureato in architettura al Politecnico, vive, insegna e lavora a Milano 
Mario Benedetto
riContemporaneo.org
opinioni, riflessioni, polemiche  e proposte sull’arte contemporanea
8