riprendiamoci ilContemporaneo

riflessioni, polemiche e proposte di ARTE CONTEMPORANEA

sito/quaderno online

    pagina principale      intervieni anche tu      chi siamo  

019

Giovanni Cerri
pittore
(sito personale)
 

CON LA CULTURA SI PUO' MANGIARE

Per prima cosa plaudo a questa iniziativa che crea un palcoscenico di discussione in un momento abbastanza buio e sconsolante sotto molti aspetti.
Anzi, più che momento, parliamo pure di epoca, visto il prolungarsi di questa “crisi” che sembra debba non aver fine.
E proprio da questo diffuso malumore, prendo spunto. Una prima ispirazione a scrivere per questa nuova “finestra” mi viene dalle parole proferite dal nostro Ministro dell’Economia e della Finanza  Giulio Tremonti, che ha detto: CON LA CULTURA NON SI MANGIA. Non c’è che dire, un grande incoraggiamento per tutti coloro che hanno intrapreso gli studi umanistici e artistici!
Capisco le frasi sconsolate, malinconiche nonché dense di preoccupazioni – più che legittime – di alcuni giovani critici-storici dell’arte o aspiranti tali. Mi è capitato in questi ultimi mesi di parlare con alcuni di loro, o di scambiarci vicendevolmente delle mail abbastanza amare. Parlo di giovani da poco laureati, ai primi anni di lavoro, quindi sotto i trent’anni, con le migliori energie e aspettative, volonterosi di fare le prime esperienze di lavoro, come curatori, promotori di mostre e quant’altro. Ma…dove ?
Finito il periodo ancora “protetto” nelle Università, ecco che si spalanca il baratro vertiginoso del nulla davanti a loro. Cominciano gli invii dei curriculum, le telefonate, le visite, i colloqui di qui e di là, e alla fine le solite parole: periodo di lavoro non pagato per fare esperienza, collaborazioni dove è già un miracolo se alla fine vien fuori il rimborso spese del viaggio…e così via. E va bene, mossi questi primi passi, ricomincia l’affannosa ricerca per un’opportunità, ma le gallerie private non sono certo in un momento di grande generosità, nei musei e nelle fondazioni pochissime persone bastano per far tutto, Comuni ed enti soffrono di tagli chirurgici alle spese ogni anno sempre più drastici, vere e proprie “amputazioni” di fondi che non consentono grandi voli di fantasia ai nostri giovani sognatori.

Così, terminati gli studi, si profilano anni e anni a carico dei genitori, per nuovi corsi di perfezionamento, esperienze lavorative gratuite o semi-gratuite, il tutto per aggiungere un’altra righettina sul curriculum. E i nostri giovani critici–storici dell’arte cominciano a pensare: ma tutto questo fino a quando durerà? Quando potrò finalmente dire di avere un lavoro “vero”? Anche indipendente, sia ben chiaro, visto che il posto fisso è un lontano miraggio, un privilegio di un’epoca ormai lontana. Ma il mio 30 e lode a cosa mi è servito? Che senso ha tutto ciò?
Il lavoro per la gloria rischia di estendersi veramente a lungo, con un senso di incertezza, precarietà e sfiducia che minerebbe i migliori propositi e il talento di chiunque. Così si stronca sul nascere il futuro di una o più generazioni.
Ah, già, ma c’è chi ha detto che con la cultura non si mangia. Però forse la causa della fame di oggi, è l’ingordigia di ieri. Forse qualche colpa l’avrà chi ha mangiato troppo e chi ancora adesso pecca di gola. Sinceramente a tutti questi golosi e avidi auguro un bel mal di stomaco, visti i danni che noi oggi paghiamo.

Ma l’Italia non era il Paese di Leonardo, Michelangelo e Raffaello? Non sono qui gli affreschi di Piero della Francesca, Masaccio e Masolino da Panicale? Non erano italiani Tintoretto, Tiziano e Tiepolo? Già, ma quella è l’Italia (anzi erano “le Italie”, dei ducati e granducati) dei turisti che ancora oggi vengono a visitarci per vedere quello che abbiamo perduto. La nostra cultura dove è finita? Se uno Stato che dovrebbe vivere di turismo e cultura è ridotto così in basso, per livello culturale, per mancanza di iniziativa e investimento sulle nuove risorse umane, qualcosa non funziona e non ha funzionato negli anni a noi precedenti. Ognuno faccia le proprie riflessioni, al di là degli orizzonti politici, ma il vuoto qui è a trecentosessanta gradi. Dagli anni 80 in poi si è avviato un peggioramento progressivo, fino allo scenario di oggi.
Certo, viviamo del nostro glorioso passato, ma sull’arte contemporanea siamo veramente carenti di incentivi e strutture. Ed è anche inutile illudersi quando vediamo le file agli ingressi delle “grandi” mostre, quando c’è la “firma” che conta; lì si verifica lo stesso malvezzo diffuso del collezionare solo per investimento. Così, allo stesso modo, si visita solo la mostra dove già tanti sono in coda, per lasciare deserte o deficitarie (come incasso) esposizioni di più alta qualità ma certo non sostenute da pubblicità e mass-media.
Per appropriarci del contemporaneo, e in particolare dell’arte dei nostri anni, dobbiamo incominciare a ri-costruire la nostra stessa cultura andata in frantumi. Facciamolo tutti, con piccoli gesti o azioni, o opere. Comunichiamo e cerchiamo di organizzare cose insieme, ignorando chi tuona dall’alto le parole più ovvie e sconfortanti. Dostojevskj ha detto: “la bellezza salverà il mondo”. E allora ritroviamolo anche nel cambiare rotta questo senso della bellezza, dimostriamo a chi ci governa che il provincialismo e il luogo comune non ci appartengono. Dimostriamo che possiamo farcela da soli. Ben vengano quelle iniziative che coinvolgono le scuole, con visite alle mostre e ai musei. Ma, soprattutto, un’attività didattica che stimolerei è la visita agli studi degli artisti, recuperando quel valore fondamentale della relazione tra gli uomini, facendo conoscere il lavoro di chi crea, i vantaggi e i problemi.
Perché l’arte è anche cosa concreta, è fare, volere, ottenere, costruire. E cosa c’è di meglio che sentire l’esperienza diretta dell’artista? L’artista quando è ancora vivo e non è più solo un nome stampato su un manifesto!


torna su

 

 

 

 

 

 

 

data di pubblicazione in questo sito
01/03/2011

Scarica l'intervento in PDF
 


Habitat, 2010
olio su tela, cm 100x70


Il diluvio, 2010
olio su tela, cm 80x100